Introduzione e approfondimento al tema


di Alfred de Locatelli
Docente di Modellistica all’Accademia di Brera a Milano


Disambienti. Serie di 42 disegni del 1993
Matita Hb e pastelli con macchia in gomma lacca su carta 70 grammi.
Alfred de Locatelli

Il contributo che voglio dare al concorso Wunder Wood è di tipo didattico. Intendo dare delle suggestioni, degli aloni di significati, dei contenitori di mondi di ricerca che possano guidare gli studenti che aderiranno a questo progetto. Mi piace iniziare, come spesso faceva anche Munari, con una ricetta, qualcosa di apparentemente semplice ma efficace, forse un poco meno razionale.


RICETTA PER UN BUON WUNDER WOOD

  • Trovare la situazione creativa che muova i significati del tema. Produrre in chi osserva la sorpresa, un coup de théâtre. Chi si avventura nel mondo della meraviglia apre lo sguardo, verso il sogno lucido. Scoprire un oggetto o dargli forma, anche se solo nella propria immaginazione, è creare un presente che nel futuro sarà ricordo, forse. l’opera è un gioco di prestigio che usa l’arte come sistema. Un esempio odierno potrebbe essere lo squalo di Damien Hirst che usa un oggetto preso dal museo naturale e lo porta nel museo d’arte.
  • Trovare due o più elementi che contrastino sia per forma che per contenuto.
  • Usare lo sguardo laterale. Guardare il proprio progetto come fosse di un altro, profondamente altro da sé.
·         La soluzione è problema [pro-blè-ma] e gioco. Il pro indica l’andare verso il positivo, il blè è un leggero tono di blu e il ma è per forza di cose il dubbio che sia tutto sbagliato. Così facendo si apre la porta del possibile.

 

WUNDER WOOD

Wunder wood porta a chiedersi che cosa sia la Wunderkammer; per me è la messa in opera di un’attività del pensiero, e anche una tipologia di collezionismo che coinvolge una grande varietà di oggetti. Wunder wood ricerca quella stessa meraviglia dell’oggetto ma si specializza nell’uso del legno.

Altre letture sul tema e spunti di possibili ricerche:
1. Le collezioni private, le collezioni fuori dalla norma e i nuovi collezionisti nel mondo;
2. La scienza. Nella Wunderkammer solitamente si esprimeva attraverso sontuose oreficerie, macchine e alambicchi;
3. La Naturaliae tutto ciò che veniva scoperto della natura.
I coralli, le noci di cocco, le pietre, i fossili e minerali di taglio. L’eccentrico e il bizzarro si definiscono con materiali rari e sconosciuti;
4. Lo sguardo strabico, ovvero gli oggetti realizzati da altre culture. Maschere, monili e attrezzi;
5. Il Magico e le sue code.
Ogni parola diventa una possibile strada da percorrere.